Amore profano – Francesca Ribilotta

11125981_10205048202982988_59412414_nAndrea e Marta tornavano a casa sotto le luci dei portici, camminavano piano stanchi dall’alcool e non si guardavano, il silenzio era così fitto dopo quella festa d’addio. Erano stati ad una di quelle feste dove solo l’eccessivo rumore, e la musica, le canzoni e l’alcool potevano smorzare la malinconia della partenza di un caro amico.
“Lei lo ama” disse Andrea tutto ad un tratto, sempre fissando la strada davanti a sé. Marta lo guardò un attimo e sospirò, poi rispose “ lui non sa cosa vuole, non si vede mentre la guarda, sai?” “Cosa vuoi dire?” le chiese Andrea, “probabilmente non si accorgerà in tempo di amarla” disse Marta. Continuarono a camminare, si abbracciarono e passeggiarono così per un po’, loro felici di essersi trovati.

È ancora buio fuori, nonostante la finestra sbatta forte contro il vento, nonostante io mi trovi ancora qui, per qualche strano caso, a cercare di ricordare come si fa a dormire.
E svegliati! Dormi così tanto, tutto il giorno, tutto il tempo… innamorati di te stessa ogni giorno un po’ di più ti prego, e poi odiati, escogita piani per ucciderti e risorgi, bella, rinasci in nuove e mutevolissime forme, gira su te stessa forte e lascia che la tua gonna formi un ampio cerchio intorno a te, lascia che si riempia di tutta l’aria intorno.
Inspira ed espira, più forte di prima, così forte da far paura, da costruirti spessi blocchi di cemento attorno, uno per ogni vita vissuta e superata, vinta o persa, dimenticata… così fortemente tieni gli occhi fissi sulle vie di te stessa che calpesti ogni mattina. E mi fa così arrabbiare! Punta lo sguardo fisso davanti a te e sorridi, i tuoi occhi splendono se guardi il cielo, sai? Ma non ti stanchi di piegarti. Ed è così che vivi, sola ma col mondo intorno, perché fa paura innamorarsi e tornare bambini, vai a comprare un libro di favole, ti sfido!
E ti guardo respirare accanto a me, non posso più dormire, ma chi sei?
C’è così tanta rabbia intorno a te che ti trapassa e ti trasporta, ribolle facilmente dentro di te ed esplode fragorosamente in una bellezza inguardabile, in lacrime, labbra color porpora… Sei fragile come porcellana, sei il degrado e la rinuncia, un decreto impronunciabile, tra le tue curve vedo la nostalgia per una società che non esiste più, vedo le mie origini cadermi dietro e scomparire, addii e lontananza, punti lontani, imprecisati e meravigliosi di questa nostra vasta terra. Voglio già scappare, da questa notte, da te che ancora stai dormendo, così lontana nel profondo di te stessa. Il tuo viso sta uccidendo entrambi… ho sbattuto la porta e sono andato via piccola, via dai tuoi occhi scuri che si aprono lentamente, ci sono ricordi che non voglio avere, ti ho detto addio ad ogni scalino mentre scendevo.
Sara si ritrovò per caso su quella via che non attraversava da tempo ormai, erano già trascorsi tre anni da quando Michele, il suo Michele ,se n’era andato. Vide la nuova casa, ormai quasi completa, ma per un momento riuscì ad immaginare quella vecchia staccionata dove rimanevano appoggiati a parlare, quasi ricordava gli interni del salone e della cucina, l’odore della sua stanza da letto. Tutto demolito, così come le pietre e gli schianti, ne aveva lanciate tante di urla e sassi, più lontano che poteva, fino a farsi male la spalla, fino a cadere in ginocchio. Appoggiò la bici contro un albero e guardandosi attorno per controllare che non ci fosse nessuno entrò nel giardino sul retro, circospetta, trattenendo il respiro. Il giardino era rimasto uguale: c’era il salottino bianco sotto il gazebo verde, il praticello curato, le due sdraio, il barbecue, era tutto esattamente come lo ricordava. E allora si guardò intorno, girando su se stessa piano la gonna strofinò l’erba, ripetè il suo nome, Michele, solo una volta dolcemente e poi si sdraiò sul prato verde e chiuse gli occhi. Inspirava ed espirava, ed era ancora lei, forse solo per quell’istante di un passato ritrovato, ormai vinto, e per un attimo si trovò di nuovo su quel letto, in quella notte in cui non era riuscita a non dormire, forse per stanchezza, forse per destino.

Francesca Ribilotta

One thought on “Amore profano – Francesca Ribilotta

  1. vanessa ha detto:

    Complimenti davvero.. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *