#MercoledìDeiSensi: “Ciao Emy” – Alessia Sicignano

5-senses-main-foto

“Ciao Emy”
Queste sono le ultime parole che gli sentii dire prima che uscisse di casa e si schiantasse con un’auto, prima che la sua vita finisse, prima che io morissi con lui.
Riuscivo a malapena a riconoscerlo sotto le macerie della sua auto, aveva il viso rigato dal sangue, graffi e tagli sparsi qua e là sul volto, le labbra socchiuse come quando prima di uscire di casa mi aveva baciato la fronte con dolcezza. Non lo avrebbe più fatto. Da oggi nessuno mi avrebbe baciata. Non provavo altro che dolore, un dolore lancinante che mi squartava il petto. Nella mente si ripeteva più e più volte la scena dell’incidente e subito dopo il suo volto felice che andava in frantumi come il mio cuore. Il rumore dello scontro mi rimbombava nelle orecchie, non sentivo nient’altro che le sue dolci parole e subito dopo lo schianto.
Le lacrime cadevano a fiumi dai miei occhi sbarrati e rossi come il sangue che non cessava di scorrere sul suo volto perfetto. Era arrivata l’ambulanza e nemmeno me ne ero resa conto, mi stavano parlando, forse mi chiedevano di spostarmi, ma non volevo e non potevo allontanarmi da lui. Ero lì, per terra accanto al suo corpo morto, entrambi ricoperti di sangue, poggiai la testa sul suo petto ed ascoltai per l’ultima volta il battito del suo cuore che ormai non batteva più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *