#MercoledìDeiSensi: Udito – Alberto Fumagalli

5-senses-main-foto

Mi era rimasto solo un modo per scoprire se mi avesse tradito: fingermi morto.
La bara che mi aveva prestato il vecchio Gino, il falegname del paese, era parecchio umida ma tutto sommato comoda. Ma c’era un grosso problema, quel giorno: mi prudeva terribilmente l’inguine e non stavo riuscendo a stare più di cinque minuti senza metterci la mano.
<< Smettila di grattarti! >> mi diceva in continuazione Giulia, finendo di truccarmi.
<< Ok, quando arriva? >> chiesi, riferendomi alla mia ragazza.
<< Fra dieci minuti, mi ha detto. Se parlo da qui mi senti? E da qui? E se parlo così? >> rispose Giovanni, allontanandosi verso l’uscio della porta.
<< Sì, sento bene. Ma vi ricordate cosa fare? Cosa chiedere? >>
<< So io cosa fare, un po’ la conosco. E poi sono una donna anche io. Non ti toccare lì! >>
In quel momento suonò il citofono.
<< E’ lei? È già arrivata? >> dissi, facendo per alzarmi.
<< Ma dove vai? Stai giù! >> mi disse Giulia, spingendomi indietro.
<< Ora calmati. Da adesso chiudi gli occhi e non ti muovere >> mi disse Giovanni, con occhi severi, mettendo una mano sulla porta.
Vidi Giulia coprirmi con il velo, poi più nulla.
<< Ciao ragazzi >> disse il mio vicino di casa entrando, con quella sua voce rauca di saliva grassa. Da quando era in debito con me di cento euro per una scommessa persa, aveva sempre trovato scuse o modo di evitarmi.
<< Come è successo? >> chiese.
<< Incidente >> rispose Giulia.
<< Cazzo, spiace. Proprio adesso che avevo i soldi da dargli… >>
Brutto figlio di…
Il prurito scese fino alle palle. In quel momento suonarono alla porta. Sentii aprire.
<< Permesso >>
Tirò su col naso e tossì. Solo quel figlio di brutta donna del titolare della pizzeria sotto casa lo faceva. Mi aveva licenziato dicendomi che non mi impegnavo abbastanza.
<< Come è successo? >> chiese tirando su col naso.
<< Incidente >>
Sentii i suoi passi avvicinarsi al mio volto, poi si fermarono e ci fu silenzio per qualche secondo.
<< Un bravo ragazzo. Gran lavoratore. Ragazzi così… >>
Brutto pezzo di…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *