#MercoledìDeiSensi: Gusto – Naomi Sardaro

5-senses-main-foto

Sapeva di sangue. Me ne accorsi, poco dopo, mentre mi mordevo le labbra: così come quel fluido rossastro circola nel corpo trasportando sostanze nutritive, quel sapore mi aveva pervaso, penetrandomi e diffondendosi in ogni parte del mio essere ed era diventato ossigeno per me; aveva liberato la mia anima dal superfluo, dagli aspetti deleteri della mia insolita vita.
Sapeva di sangue, sangue misto alla dolcezza dello zucchero filato che compravo da bambina al luna park: bianca e soffice come queste lenzuola, quella dolce nuvola mi rendeva così felice e spensierata! Adesso, con qualche anno in più, finalmente avevo degustato una lieve e duratura quiete, quel senso di fiducia nell’essere umano. Mossi la lingua all’interno della mia bocca per captare il suo retrogusto e proprio a quel punto mi accorsi che sapeva anche di cioccolato, quella bontà da cui non riuscivo a sottrarmi per nulla al mondo e così capii che ben presto sarebbe diventato una dipendenza.
Abbassai gli occhi ed ancora distesa sul letto cigolante, con voce fioca dissi: -Ti ringrazio per avermi fatto riassaporare la sapidità della vita. Ora so che, nonostante tutti e tutto, potrò ancora sentirmi forte e la solitudine non sarà più la mia fedele compagna.-
Il suo bacio aveva il gusto amabile del cioccolato. Sapeva di sangue, il suo bacio. Di sangue e zucchero filato.

One thought on “#MercoledìDeiSensi: Gusto – Naomi Sardaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *