#MercoledìDeiSensi: Un sapore diverso – Ambra Arcamone Malaspina

5-senses-main-foto

Ero a bordo di un motoscafo diretta ad un’isola nell’atollo maldiviano di Male nord. Ero stanchissima perché l’aereo aveva ballato sull’Oceano Indiano e per la paura non ero riuscita a dormire.
Inoltre lo scalo a Colombo era durato più del previsto a causa del monsone che, con torrenti d’acqua e rabbiose folate di vento, aveva spazzato le piste dell’aeroporto e spettinato le palme che lo circondavano, impedendo il decollo.
Avvicinandomi all’isola vedevo il blu cobalto del mare che si interrompeva in lontananza là dove iniziava il colore turchese della laguna. In pochi minuti arrivammo allo shunt e la velocità diminuì. Sbarcai sul pontile. Nell’acqua trasparente un branco di pesciolini argentati si divideva in due, al passaggio di un cucciolo di squalo pinna nera.
Enrico era arrivato lì il giorno prima, da qualche mese abitava in Australia, dove aveva trovato lavoro come chef in un ristorante italiano, ma io non lo vedevo da due anni ed ero curiosa di scoprire se fosse cambiato.
Era stato invitato in quest’isola a gestione italiana per una gara di alta cucina e così avevamo deciso di approfittarne per rivederci, il concorso sarebbe durato tre giorni, ma noi ci saremmo fermati per altri quindici.
Non sapevo se fosse stata una buona idea, perché ai tempi ci eravamo lasciati dopo una convivenza rovinata da incomprensioni e da litigi ma, quando mi aveva invitata, mi ero lasciata convincere dalla sua promessa di farmi passare una vacanza spensierata.
Lo vidi che veniva verso di me agitando una mano per attirare la mia attenzione, quando fu a pochi metri, iniziò ad urlare il suo benvenuto.
“Mirella, ciao. Finalmente! Ti aspettavo due ore fa. Ma cos’è successo?”
Attesi che si avvicinasse di più per rispondergli:
“C’è stato un ritardo a Colombo, niente di grave.”
Mi prese tra le braccia e mi baciò. Poi si mise sulle spalle il mio zaino e ci incamminammo verso la “reception”.
Quando fummo nel nostro bungalow mi buttai sul letto, Enrico si sdraiò vicino a me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *