Il barone Von Cruiff al matrimonio del licantropo – Antonio Rispoli

Era una di quelle notte invernali come ce ne sono tante in Transilvania, con un freddo gelido da ghiacciare le carni e una nebbia così fitta da non riuscire a vedere a un palmo dal naso. Quale migliore serata per un bel matrimonio? Quella notte, il barone Von Cruiff, come d’abitudine, si alzò di buon’ora. Ancora assonato, con una mano si stropicciava gli occhi, mentre con l’altra apriva il coperc...
Di più

Fretta – Elena Fiorentini

Fretta – Elena Fiorentini
Ad ognuno fin da bambino viene somministrata una piccola lezione di vita; in molti avranno, come me, imparato la sottile arte di aver fretta. E’ mattina, la sveglia suona… Presto! Sveglia! E’ già ora! Vestiti. Colazione – di fretta quelle fette biscottate che l’autobus bussa alla finestra –. Sali. Viaggio. Scendi. In un attimo sei a scuola, la mattina dopo già apri la porta dell’università. ...
Di più

James Gatz – Maria Elena Benedetti

James Gatz – Maria Elena Benedetti
Se Gatsby non avesse speso la sua vita ad inseguire Daisy, sicuramente non sarebbe diventato quello che poi è stato: una stella cadente di una luce disarmante. Si sarebbe accontentato di essere una scintilla, simile alle tante che lo circondavano. Ma lui, lui era un fuoco d’artificio, il più bello di tutti quelli esplosi durante le sue inutili feste. Tutto questo, solo per lei; la luce verde ch...
Di più

Smarrimento – Manfredi Cartocci

Smarrimento – Manfredi Cartocci
Fermo immagine, di un mare lievemente arrossato che ti chiede chi sei. Strade rotte, di asfalto talmente sconnesso da non aver memoria della propria stesura. Ombre magiche, di piante e di gente assonnata che ama e odia la propria domenica. Il senso del vento che soffia come adirato per un inopportuno oltraggio si perde alla maniera del senso nel discorso di un tale ubriaco. O forse troppo stanco p...
Di più

Un abbraccio – Monica Vagni

Un abbraccio – Monica Vagni
Un abbraccio. Non ce ne sarebbero stati mai più altri come quello, ma Ginevra non lo sapeva. Probabilmente neanche Matteo lo se immaginava. Apparentemente poteva sembrare un gesto d’affetto come tanti altri, ma la sua differenza si trovava nella sua unicità. La forma di quell’abbraccio era fatta di parole taciute e mancanze sottili, di mesi di assenza e voglia di rivedersi. Era successo tutto ...
Di più