Nella notte e nel buio – Alessandra Scubla

«Quando il cielo si oscurò all'improvviso e la terra tremò, tutto intorno cambiò forma. Il mondo che conoscevamo non esisteva più. Tutto era cambiato. Io ero cambiata. Ci avevano avvertito. Ci avevano messo in guardia. L'umanità lo sapeva. Qualcuno l'aveva persino previsto. Abbiamo abusato del nostro potere per secoli. Ci siamo presi tutto ciò che potevamo prenderci. Abbiamo distrutto ciò che ritenevamo superfluo e costruito ciò che ritenevamo indispensabile. Abbiamo sfruttato la Terra, il Sole,...
Di più

Tabula rasa – Alessandra Scubla

– Basta! – esclamò d'un tratto Marisa, lasciando cadere le braccia lungo i fianchi. – Ho bisogno di una pausa!– La ragazza lasciò la stanza, percorse il lungo corridoio illuminato da finte torce e risalì in superficie. Il cielo era sereno e la luna aveva un'insolita ombra a forma di cono; un candido faccione sorridente al centro della volta celeste. Marisa inspirò a fondo l'aria profumata di biancospino e si sedette sull'erba nella posizione del loto. Chiuse gli occhi e ripensò agli ultimi gio...
Di più

Cenere – Alessandra Scubla

- Brucia tutto! Stanno arrivando! - gli ordina il comandante con quel solito tono inquisitorio, che, però, questa volta, suona in modo diverso. Non incute terrore, ma lo manifesta. Forse, per la prima volta da quando la guerra è cominciata, l'impavido e senza cuore «generale di ghiaccio», è spaventato. L'esercito nemico è alle porte. Ancora qualche giorno e il cancello verrà abbattuto e il loro destino sarà appeso a un filo. Gli è stato detto che in guerra tutto è lecito, ma ciò che hanno compi...
Di più

Montagna maestra – Alessandra Scubla

Cammino con passo incerto. Conosco la strada, non è la prima volta che la percorro, ma tutto questo bianco rischia di confondermi. Non ho mai avuto un gran senso dell'orientamento e di certo non sono mai stata una grande sportiva, eppure questa sfida l'ho accettata. E' qualcosa che devo fare e che non posso più rimandare. Una dimostrazione che vada oltre le parole. Fin da piccola, la neve mi ha sempre affascinato. Così bianca e perfetta. Soffice, delicata, ma ugualmente possente e pericolosa. L...
Di più

Il canto della sorgente – Alessandra Scubla

Il sole si nascondeva timido oltre le montagne e un venticello fresco danzava fra le fronde. La natura era silente, come sospesa, in attesa che qualcosa accadesse. Erano gli anni della guerra, erano gli anni delle bombe e del silenzio assordante. Il giovane partigiano avanzava cauto, ma svelto, nel fitto del bosco, incespicando e imprecando di tanto in tanto per via dei rovi che si impigliavano nelle braghe, graffiandogli la pelle. I piedi cominciavano a dolergli, stretti nei vecchi scarponi di ...
Di più