Voodoo – Davide Brioschi

Stramonio Plumbeo ha detto che stasera ci sarà plenilunio, quindi dovremo portare tutte le bambole. È giorno di Sabba e secondo Stramonio durante notti come questa i riti funzionano come dovrebbero. Metto la mia bambola nello zaino. È beige, l’ho ritagliata da una di quelle borse di tela che ti danno al supermercato; tutto attorno al corpicino scorrono le cicatrici scure del filo che ho usato per chiudere nella bambola le sue interiora di cotone struccante. Sul petto ho cucito il contorno di un...
Di più

Samantha – Davide Brioschi

Il giorno in cui scoprii che il mio coinquilino faceva l’escort e non il cameriere, la mendicante che sedeva sempre di fianco all’entrata dell’università si lanciò sui binari della metro. Quale delle due notizie mi avesse scossa di più, lo sa solo Dio. A uccidere la mendicante non fu un treno, ma i binari appunto: fu attraversata in un battito di cuore dalla luce color lampo che a volte si vede sprizzare dai cavi dei tram. Ripenso a questo, mentre le porte della metro si aprono alla stazione di...
Di più

A due passi da casa – Davide Brioschi

All’aeroporto ho solo sentito come uno spillo affondarmi in gola, proprio dove sporge il pomo d’Adamo. Le parole hanno cominciato a ostruirmi il respiro, un nugolo di pensieri che mi strangolava mentre salutavo mia madre e mia sorella. Dicono che la prima notte sia la peggiore. Mentre dormi non c’è niente che ti distragga dal fare i conti con te stesso. L’ho passata a ripetermi quello che ho detto alla mia famiglia il giorno della partenza: sarò a due passi da casa. Ma l’ho detto perché ci cred...
Di più

#MercoledìDeiSensi: Trauma – Davide Brioschi

Una suora chiude un bambino in un bagno dell’asilo. Lo fa sedere a forza sul vasino e gli dice: se non la fai, arriverà un mostro che ti taglierà la pancia e se la prenderà tutta. Al bambino viene un blocco intestinale. È esattamente così che ho avvertito il primo. Non è un pensiero. Non sento queste parole come le sentireste voi. Non è una vocina nella mia testa che parla, come quando si pensa. Non è nemmeno come un’allucinazione o un sogno. Non vedo le scene che avverto. Le avverto. È tutto ...
Di più

Demoni – Davide Brioschi

Lui alza il sopracciglio, l’angolo destro della bocca si protende verso l’orecchio. La posizione dei muscoli facciali che comunica a qualunque essere umano: ti disprezzo. E si rimette la canna in bocca. La canna che ho appena rifiutato. Quella che mi ha appena definita, mi ha rivestita coi tanti stereotipi che affollano il microcefalo di questo ragazzo, che conosco da circa due tiri di spinello. L’ultimo grido dei moralisti, qui, è farti la morale per quello che non vuoi fare. La canna che non...
Di più