Questo viaggio è per sempre – Federica Caputo

Strisciando i piedi verso casa, con la testa bassa e la mente altrove tentavo invano di dimenticare la brutta giornata appena trascorsa. Faceva troppo caldo per essere maggio, i pantaloni bruciavano e la camicetta mi si attaccava alla pelle, il vento non si degnava di far visita al viale costeggiato da villette a schiera totalmente privo di ombra. Annoiata, accaldata e stanca, camminavo sollevando solo di qualche centimetro i piedi da terra e strisciandoli rumorosamente. Erano quasi le tre del ...
Di più

Auf Kurs – Federica Caputo

Tesa verso il confine del tuo mondo stringevi la mia mano e io non avevo il coraggio di lasciarla andare. Fermi sul bordo della tua mente, distanti undici piani dall'asfalto, non mi degnavi di uno sguardo mentre io avevo occhi solo per te, per le tue spalle, per i tuoi capelli. Le mie orecchie si nutrivano del tuo respiro mente ti reggevi con tutto il tuo peso alla mia mano, tirando sempre più forte verso il precipizio. Io piantavo i piedi a terra senza avere la forza per portarti via con me. ...
Di più

Tre incipit per un romanzo: e voi quale avreste scelto?

Primo incipit -E’ qui per farmi altre domande?- -Le domande sono sempre le stesse, ma vorrei avere risposte diverse- -Non sarà così- -Iniziamo- La spia rossa della videocamera indicava l’inizio del video. All’interno della stanza c’erano un uomo e una donna, seduti l’uno di fronte all’altro; lui su una poltrona verde scuro, lei su una vecchia sedia di legno. Gli occhi della donna erano fissi sulla luce rossa, quelli di lui erano concentrati su una risma di fogli stropicciati che stringeva t...
Di più

Amalia – Federica Caputo

– Quando la distruzione si impossessa di te non puoi più tornare indietro, quando cedi all'impulso di fare del male è troppo tardi per cambiare idea. – L'avvertimento, sussurrato mentre passeggiavamo insieme sulle rotaie, mi fece tremare di inquietudine. Le pietre scricchiolavano sotto i nostri scarponi, il sole ci bruciava le spalle e la testa, ma niente poteva fermarci. Continuammo a seguire le rotaie che attraversavano pianure spoglie e campi di grano dorato. Era quasi mezzogiorno e non tir...
Di più