Zece – Ginevra Miranda

Ma chi aveva incontrato giorni fa? Se lo chiedeva di continuo ora, sotto le coperte assieme a lei. Che razza di ragazza gli era capitata fra le braccia? E da quanto era sveglia? Non poteva saperlo, ma immaginava lo fosse da molto, a giudicare dalle occhiaie sul volto. Nonostante questo, non accennava a chiudere gli occhi, d’altro canto nemmeno lui distoglieva lo sguardo. Non ancora una parola. Perché poi tutte queste domande sorgevano solo adesso? Non poteva pensarci prima? Prima di invitare una...
Read More

Zece – Ginevra Miranda

Ma chi aveva incontrato giorni fa? Se lo chiedeva di continuo ora, sotto le coperte assieme a lei. Che razza di ragazza gli era capitata fra le braccia? E da quanto era sveglia? Non poteva saperlo, ma immaginava lo fosse da molto, a giudicare dalle occhiaie sul volto. Nonostante questo, non accennava a chiudere gli occhi, d’altro canto nemmeno lui distoglieva lo sguardo. Non ancora una parola. Perché poi tutte queste domande sorgevano solo adesso? Non poteva pensarci prima? Prima di invitare una...
Read More

Insomnia – Ginevra Miranda

Damaride si alzò dal letto senza bisogno della sveglia anche quella mattina; come sempre la casa era deserta anche se portava i segni di persone indaffarate che avevano fretta di arrivare in tempo al lavoro. Vestiti gettati ovunque di chi si svegliava sapendo di dover correre a prepararsi e a fare colazione al più presto per poi non trovarsi a correre lungo la strada, che era forse peggio di pensare di doversi dare una mossa. La gente di città generalmente preferisce lo stress mentale al sudore...
Read More