Di quello che è stato o sarebbe potuto essere – Irene Serra

Sono quasi le quattro del pomeriggio e la stanza è immersa nella penombra. Fa caldo. Ha le gambe nude appoggiate sulla coperta blu e la maglietta bianca, che le cade da una spalla, scopre la sua pelle dorata e, ogni volta che tenta di sistemarla, scuote leggermente un ricciolo. Dalla finestra entra una luce soffusa. Ha chiuso le persiane solo per metà. Non ha voglia di altro calore, ma neppure del buio. Dopo aver chiuso la porta alle sue spalle, si è sfilata i pantaloncini e la canotta e li h...
Read More

Pagina bianca – Irene Serra

“Ho un forte bisogno di scrivere.” A lui questo può dirlo. L’ha incontrato da poco ad una fermata del pullman. La barba bruna e uno zaino sulle spalle. Pioveva e il naso le colava a intermittenza. Aveva appena affondato il viso nell’ennesimo fazzoletto quando si era sentita toccare la spalla. Il pullman che lui stava aspettando era stato soppresso, era stata questa la scusa. “Sai come arrivare alla stazione?” Aveva dato solo un rapido sguardo in fondo alla strada, senza dubitare della verid...
Read More