La discendente parabola di Amore – Lorena Bontempi

C'era una volta, in un tempo non molto lontano dal nostro e in un luogo ancor più vicino, un giovane ragazzo che la gente del villaggio aveva preso a chiamare Amore. Nessuno sapeva di chi fosse figlio; le massaie più anziane, nelle interminabili e gelide sere invernali, quando tutti si radunavano nella stalla davanti al fuoco, narravano di come quel bizzarro ragazzo fosse stato abbandonato da una donna col volto coperto sull'uscio della cascina dei Bentivoglio. Di quella figura, comparsa nella n...
Di più

Fragile come la terra – Lorena Bontempi

È come quel bellissimo vaso di vetro soffiato. Così sottile, perfetto, raffinato, decorato con quella meticolosità che solo le mani di un esperto artigiano riescono a riprodurre. Tanto prezioso quanto fragile, in bilico sul mobile, basta un attimo a farlo cadere in frantumi. Così pensava Abhik mentre la guardava distesa accanto a lui nel letto, nuda, liscia, sfumata nella penombra di quella casa che era diventata il loro rifugio. Il flebile respiro della donna scandiva il ritmo di quello di l...
Di più

Breve dialogo sulle piante e sugli uomini – Lorena Bontempi

L'umido caldo estivo gli faceva gocciolare la fronte mentre cercava di salvare quel poco che era rimasto della semina primaverile. Sua figlia Katie lo guardava con aria incuriosita; all'età di dieci anni aveva quell'interesse per le cose che solo qualcuno che è ancora matricola su questa Terra può avere. Osservava il padre raschiare via dal terreno le piantine ormai rinsecchite da quella asfissiante calura e gli chiese: “Babbo, dopo ne pianterai altre, vero?” “Tesoro, se lo facessi adesso, con ...
Di più

Riflessi di coscienza – Lorena Bontempi

Teschio
Cos'è quella una ruga ma no non può essere quelle vengono solo alle vecchie decrepite non a me che ho a malapena cinquant'anni con tutto quello che spendo per le cremine varie ci mancherebbe anche che quella sia una ruga già con il primo capello bianco ho avuto i miei problemi ma sai per quello c'è la tinta una spennellatina e via tutto sistemato ma le rughe no se ti vengono sei letteralmente segnata sei vecchia e non ci puoi fare niente a meno che non ti riempi di quelle porcherie che ti iniett...
Di più

Castelli di fumo – Lorena Bontempi

Era un freddo giorno d'inverno. Fuori il respiro caldo delle persone disegnava flebili nuvole che si dissolvevano verso l'alto confondendosi con il fumo di sigaretta. Lei non fumava; guardava dall'alto la ressa di gente accalcata fuori dal locale e si divertiva a riconoscere a quali figure potesse associare quelle spirali di fumo. Ad un tratto qualcosa attirò la sua attenzione. Un ragazzo dai pantaloni eleganti aveva disegnato nell'aria una fantastica rosa. Nella sua mente quella piccola nuvolet...
Di più