Smarrimento – Manfredi Cartocci

Fermo immagine, di un mare lievemente arrossato che ti chiede chi sei. Strade rotte, di asfalto talmente sconnesso da non aver memoria della propria stesura. Ombre magiche, di piante e di gente assonnata che ama e odia la propria domenica. Il senso del vento che soffia come adirato per un inopportuno oltraggio si perde alla maniera del senso nel discorso di un tale ubriaco. O forse troppo stanco per ordinare i pensieri. Sai che dovresti correre, trasformando il tempo donatoti in una magnifica f...
Di più

Difesa – Manfredi Cartocci

Salutava cordialmente Lucia, la donna che la sera mangiava con lui, mentre questa si accingeva ad uscire dalla porta. Gli anni non avevano logorato il suo gusto per il vestire, ed apprezzava molto quei cappelli che le donavano un aspetto austero ed elegante: una vera signora. Pensò che in fondo aveva fatto bene a rifiutare l'invito dei figli a trasferirsi a casa loro in città: lì c'erano gli amici di sempre, la quiete dell'ambiente rurale, e tutto ciò che lo circondava gli sussurrava dolcemente ...
Di più

Il fiore nel deserto – Manfredi Cartocci

Entrava nel locale con gli occhi velati, appena infastiditi dalla luce intensa. Il grigiore di quel pomeriggio era quasi come quello dell'anima. Non era lì. Non era da nessuna parte. Era in quei posti lontani a cui faceva riferimento sua madre quando lo trovava seduto al tavolo di cucina con i libri di scuola aperti, lo sguardo perso nel vuoto e la testa chissà dove, comodamente appoggiata sulle nocche di una mano. Quando era triste erano soliti sovvenirgli quei ricordi: così caldi, così domesti...
Di più

Estremi Lontani – Manfredi Cartocci

Ancora tu, un tavolino e un bicchiere di rum. Una terrazza e una tazza di the. Un bar defilato e un cappuccino dolce. Ti sei vestito a caso perché non è rilevante, e hai trasportato il tuo pensiero dove eri persuaso lavorasse meglio. Ti sei trascurato perché non eri importante, non quanto quelle cose sfumate che ti volano in testa. E pensi a lei, chiunque essa sia. E quando è una donna, e quando è una passione, e quando è la tua vita. Poi, alla fine, la stessa sostanza. Giri il polso, allunghi i...
Di più

Ballata del cavaliere errante – Manfredi Cartocci

  La luna d’argento da mille ammirata, sovrana del cielo sulla terra è stagliata. La notte comanda ai fievoli astri, di percorrere tosto la volta stellata: è la danza del cielo, del pensiero fraterno, che lascia isolata la fissa Polare. Una stella fugge dal magnifico disegno, senza meta la vediam vagare, per poi scomparire nell’abisso siderale. In un rado bosco dai legnami muschiosi, la vita gode della sua pace notturna, pochi esseri animano il sottobosco, ed il silenzio fa d’ogni f...
Di più