Tempesta – Manfredi Cartocci

Certe tempeste colpiscono nei punti cechi dei modelli di previsione, e quando cessano, lasciano nel silenzio che le segue il tempo di cercare di capire cosa ci volevano dire. E’ un po’ come quando i professori a scuola, quelli bravi, dicevano: “ora smettete di prendere appunti, quello che sto per dire lo dovete capire, non imparare a memoria”. Poi, dopo aver ascoltato, cerchi di digerire quello che le orecchie hanno mangiato. A volte senti parole che sei in grado di digerire solo molto tempo dop...
Di più

La sirena e il marinaio – Manfredi Cartocci

Mani nelle mani, si guardano negli occhi. E' un tocco lieve, sfuggente; il contatto di due cose lontane. Ogni giorno, ogni notte, si toccano da vicino, e si guardano da lontano. Il mare e la terra, l'abisso e la vetta, su quelle morbide strisce di fina sabbia si danno le mani; si uniscono, si accarezzano, a volte litigano. Si amano, ma non si capiscono. In quello scorrere di schiuma sulla sabbia, in quell'affondare d'acqua fra i granelli, si cercano e non si trovano. * Si raccontano certe legg...
Di più

Torniamo a casa – Manfredi Cartocci

Polvere, caldo, cattivo odore. Polvere, caldo, cattivo odore. Un leggero prurito sotto il mento. Stu-tuum... stu-tuum... stu-tuum... silenzio. Il sobbalzante rumore metallico del telonato accompagnava quella notte scura. Ricognizione, sopralluogo in una zona urbana abbandonata, l'ultima azione in teatro operativo prima di tornare a casa. Sei lunghi mesi. Aprì una tasca della mimetica e ne trasse una foto di sua figlia. La moglie gli aveva scritto che aveva cominciato a parlare, la gioia di sent...
Di più

Il fascino del nascosto – Manfredi Cartocci

Il fascino del nascosto è innegabile. Odora di privilegio, sa di elitario, allude ad un che di esclusivo. Più un qualcosa è raro e resta occulto, più accresce queste sue inestimabili proprietà. Nessun nascondiglio però, eluderà in eterno un'accurata ricerca. L'unica ricerca sempre fallimentare è quella che non comincia. Ciò che resta nascosto infatti, è ciò che ammanta la sua sostanza nella scura nube dell'ignoranza: nella supposta non esistenza di qualcosa che non sappiamo esistere. E' così per...
Di più

Il nucleo oscuro – Manfredi Cartocci

Qualcosa di indefinibile sentiva dentro sè, senza spiegazione. Una presenza di assenza, il peso di un vuoto. Un morbido torpore di taglienti sensazioni, sentori, emozioni grezze. Scavando, scavando dentro di sè era arrivato a questo, questo macigno incompreso e incomprensibile che sembrava darsi senso da solo, rivelare la propria verità a se stesso, e a nessun altro. Poteva vederlo in realtà il fortunato interlocutore del macigno, del nucleo oscuro di insondata natura, ed era lui stesso: solo q...
Di più