Pazzo di te – Vincenzo Cutrone

L’aria che si respira in un luogo chiuso come il Mind è quella calda ed opprimente e, allo stesso tempo, familiare ed accogliente di alcune giornate estive quando, seduti in riva al mare. Lo scirocco ci abbraccia riscaldandoci piacevolmente, mentre lentamente ci spinge a tuffarci in acqua ritrovando il sollievo creduto perso. Il Mind è un bar come un altro. Non è il solo. E, probabilmente, non è neanche speciale. Ma è unico. Non se ne trova uno uguale neanche a voler ricreare lo stesso spazio, ...
Di più

Al sorgere del buio – Vincenzo Cutrone

Un pugno nello stomaco, dritto alla sua bocca. Ti si spezza il respiro, inizi a sudare e la depressione mista ad un senso di smarrimento prende il sopravvento. Questo accade quando si passa una vita a far finta di dimenticare. Poi una telefonata, un incontro. E ti accorgi di aver mascherato i ricordi, rendendoli invisibili. Vuoi non pensarci, vuoi distruggere ogni cosa. Vuoi ricominciare. Ma è già troppo tardi. Sono le otto di un giorno quasi al termine delle sue possibilità. Ormai ha dato tutt...
Di più

Nel profondo degli abissi – Vincenzo Cutrone

ragazza guarda il mare seduta sulla spiaggia
Vedo la gente passeggiare sulla bianca sabbia al chiaro di luna. Mano nella mano si promettono l'eterno, sognando il cielo e perdendosi nelle stelle. Guardo con più attenzione quelle coppie ferite che tornano sul luogo del loro primo incontro per risanare cicatrici oramai indelebili. Osservo impassibile discussioni all'apice di un amore spento dal vento impetuoso del distacco, naufrago in una terra abitata da una strana creatura dall'aspetto dell'odio, ma dall'anima di indifferenza. Dimoro qu...
Di più