Tarkus – Pablo Pellegrini

Description NGC 6302 Hubble 2009_full(1)– Guarda la terra di lontano, disse il vecchio Tarkus.

T – Chiudi gli occhi mio giovane allievo e concentrati sull’organo dell’immaginazione. Inizia a creare immagini visive nella tua testa.

A – Sì, ora sto iniziando a proiettare.

T – Bene, ora guarda la profondità dell’abisso cosmico, e piano piano riemergi da esso finché non riesci a vedere in lontananza, come un puntino, la nostra galassia.

A – Sì sì, ci sono dentro proprio adesso.

T – D’accordo. Ora continua: vedi per caso dolore in questo abisso nero?

A – Dolore? No, solo quiete, calma, quasi… armonia.

T – Avvicinati ora, inizi a vedere la galassia? La galassia con le sue forme? La spirale ed il cerchio illuminato al centro?

A – Sì, vecchio Tarkus, la vedo. Mi sto avvicinando. Chissà a che velocità sto andando!

T – Bene ora avvicinati finché non riesci a contemplarla tutta insieme con i suoi ammassi di stelle.

A – Certo!

T – Dimmi, vedi forse dolore ora?

A – Ancora? No… ma perché me lo chiedi?

T – Non chiederti a cosa serve la mia domanda, cerca invece di rispondere concentrandoti più che puoi sull’osservazione del dolore.

A – Mmh! Ok. Bé, a dir la verità…

T – Sì?

A – Non è dolore però.

T – Parla su, non indugiare!

A – Vedo due stelle che collidono fra di loro, ed un’altra più in là che esplode.

T – Oh! E dimmi, questo ti turba per caso?

A – No, no… solo, toglie un po’ quella quiete che stava nell’abisso.

T – Bene. Ora prosegui, cerca il nostro quadrante, avvicinati al nostro sistema solare. Finché non vedi la terra grande almeno come una noce.

A – Sarà fatto… Eccomi.

T – Vedi contesa? Dolore?

A – No, no.

T – Vedi meno armonia e quiete rispetto all’abisso?

A – Beh… è come se quella quiete basale dell’abisso si fosse complessificata. Come se sulla tonalità di fondo fosse iniziata la melodia, un accordo di Do maggiore.

T – Interessante… però niente dolore?

A – Niente.

T – Avvicinati ancora, supera l’atmosfera, guarda le terre emerse esplodere di colori, guarda la parte illuminata dal sole.

A – Sì.

T – Avvicinati, avvicinati ancora! Vai verso la Francia, passa fra gli aerei che volano in cielo, punta verso Parigi.

A – Sto volando sopra la città, è grande come il mio pugno.

T – Allora avvicinati ancora un po’, finché non è grande come una zucca…

A – Mmmmh…

T – Ecco! Adesso fermati! Vedi dolore?

A – No.

T – Vedi qualcosa di più complesso rispetto a prima? La melodia si è complessificata?

A – Sì, sì. Si sta facendo più movimentata… è difficile adesso percepirla come armonia guardando a tutte quelle auto che sfrecciano.

T – Bene, non indugiamo! Sfreccia subito verso le banlieu più veloce che puoi! Entra nel quartiere, scendi giù per le vie. Avvicinati a quella palazzina. Guarda in quelle case dove sei cresciuto.

A – Sì!

T – Ora fissane una ed entraci dentro, guarda la famiglia. Vedi dolore?

A – Sì maestro! Sì! Ora vedo il dolore, e lo sento pure.

T – Quant’è lontana quell’armonia che vedevi nell’abisso?

A – Oh, per Giuda! Lontana anni luce!

T – Ti chiedo un ultimo sforzo, te la senti Adin?

A – Sicuramente… ce la posso fare.

T – Fissa il figlio, quello più grande. Avvicinati ai suoi occhi e guardalo intensamente, appoggia il tuo naso al suo e fissagli le pupille.

A – Sì!

T – Adesso entra dentro quella testa e vola in quell’alveare di pensieri commisti a sensazioni. Dimmi, vedi dolore? Senti dolore? C’è l’armonia?

A – Oh Signore! No! E’ finito tutto, sembra di stare in guerra. Una sparatoria di idee, pensieri, emozioni. Uno sciame dietro l’altro, come mosconi sopra il lercio delle discariche!

T – Bene, cerca di non soffermarti troppo, non avere paura. Adesso: vedi tutti quegli sciami? Provengono da una stessa direzione.

A – Sì! Sì!

T – Cerca quel punto, cerca di trovare da dove provengono quelle idee, quei pensieri. Superali! E vai verso la direzione dalla quale provengono. Passa oltre i pensieri, supera pure le sensazioni, le emozioni, vedi gli istinti e gli impulsi? Saltaci sopra e prosegui oltre, vai verso quel punto ed entraci dentro!

A – Ci sto provando… è difficile, sono duri ed ingombranti; sono forti.

       No! Mmh

       Sì! Ce l’ho fatta. Provengono tutti dallo stesso punto.

T – Entraci! Entraci!

A – Lo sto facendo, sto passando. Sono entrato!

T – Ah, sì! Guardati attorno ora, dimmi… vedi dolore?

A – No, vecchio Tarkus. Più nessun dolore, più nessuno sciame. Solo… quiete. Calma. Armonia basale.

Adin si gira verso Tarkus con volto stupito e dice: “Sembra proprio lo stesso luogo dal quale siamo partiti… l’a…

T – L’abisso cosmico.

Una pausa silenziosa di pensieri avvolge i due.

T – Questo è il potere della lente di ingrandimento: avvicinati alle cose, focalizzati su di un settore della realtà e ne percepirai il dolore. Allontanati e piano piano il dolore, come vapore sembrerà diradarsi.

A – Oltre a ciò, focalizzati su di un punto adimensionale e vi troverai la matrice dell’universo.

Ed il sole tramontò ed il sole risorse…

Pablo Pellegrini

***

Pablo Pellegrini

Pablo Pellegrini, 21 anni, studente di Filosofia a Trento. Appassionato di teatro e di musica, suono la chitarra e gioco a calcio (sempre teatro insomma). Scrivo per disperazione e per sciogliere gli attacchi di panico, amo il racconto breve perché credo che nella contemporaneità non ci sia spazio per i romanzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *